Lo spread che si abbatte con la buona spesa

Pubblicato oggi sul Sole 24 Ore * Lo spread tra titoli di stato italiani e tedeschi è tornato stabilmente al livello dell’inizio 2020, cioè di prima dell’annuncio dell’approvazione da parte delle autorità europee di quel massiccio supporto finanziario all’Italia, con un programma di investimenti pubblici su 6 anni, dal nome PNRR. Nel giro di pochi mesi dalla partenza del Piano…

Continue Reading

Quale unità fiscale per l’Unione europea

Oggi su Il Sole 24 Ore * E’ stato Mario Draghi – nel suo intervento di pochi giorni orsono a Cambridge – a riportare il dibattito europeo ad una altezza adeguata al livello delle sfide globali che dobbiamo fronteggiare. Lo ha fatto ponendosi la madre di tutte le domande: dove è appropriato che risiedano i poteri fiscali per fare quanto…

Continue Reading

Defezione e protesta nelle università italiane

Con Simone Borra e Annalisa Castelli, uscito il 4 maggio su Avvenire * Il dibattito su giovani e Università aumenta di intensità, stimolato dalle notizie su studenti che, sempre più frequentemente, approfittano di occasioni ufficiali per denunciare percorsi formativi divenuti ormai eccessivamente competitivi, stressanti, distanti, troppo e malamente meritocratici, certamente poco inclusivi. In esso si contrappongono, spesso quasi come compartimenti…

Continue Reading

DEF 2023: non si esce dalle sabbie mobili

Oggi su Il Sole 24 Ore *          Proprio nel momento in cui uscivano, all’interno del Documento di Economia e Finanza, le stime riviste al rialzo della crescita economica tendenziale per il 2023 (da +0,6% a +0,9%), il Fondo Monetario Internazionale pubblicava le sue previsioni per le maggiori economie del mondo, fissando invece al +0,7% il valore dell’aumento di PIL…

Continue Reading

Per salvare il PNRR: una sola ricetta

Oggi su il Fatto Qutoidiano *          Senza soluzione di continuità, l’Italia nel XXI secolo ha perso peso a livello economico e dunque politico; e non solo nel mondo ma persino nell’area dell’euro. Nel quadriennio dallo shock Covid questa tendenza si conferma: mentre il mondo crescerà dell’8% e gli USA il 5,8%, l’area dell’euro solo il 3,1% e l’Italia ……

Continue Reading

Perché è necessario compensare la stretta sull’ecobonus

Mio articolo martedì 14 marzo sul Sole 24 ore. *          Cosa è esattamente cambiato in queste ultime settimane, nell’economia italiana e alle sue prospettive di crescita, a causa delle modifiche avvenute sia al regime europeo di contabilità pubblica che alla normativa riguardanti ambedue l’ecobonus? Poco e tanto, ma è bene capire dove, come e quando.          Grande risalto è…

Continue Reading

Regole fiscali di galateo

Su Il Fatto Quotidiano, qualche giorno fa, il mio intervento. * Vi è bisogno di nuove regole che governino la politica fiscale europea, afferma la Commissione nella sua recente “Comunicazione” al Consiglio europeo dei capi governo dell’Unione (Ue). Un momento sempre importante della governance del Vecchio Continente, quello in cui l’organico tecnico più alto si indirizza all’organo politico più alto.…

Continue Reading

Il dilemma dei prigionieri italo-europei

Oggi sul Sole 24 Ore. * I recenti dati del Fondo Monetario Internazionale sulla crescita economica durante il biennio 2022-2023 riportano un po’ di serenità, dopo che la stessa istituzione, lo scorso novembre, aveva prospettato scenari ben più cupi. In particolare il nostro Paese chiude il 2022 meglio di quanto atteso solo tre mesi prima (dal +3,2 al +3,9%) e…

Continue Reading

L’occasione persa del Codice degli Appalti

Oggi, su Il Fatto Quotidiano * Nell’accettare l’idea, contraria a tutti i precetti di economia politica, che si debba continuare a ridurre i deficit pubblici in tempi di recessione (come quelli che ci aspettano per il 2023) il Governo italiano rischia di incartare il Paese in un circolo vizioso. Questo non avrebbe ragione di avvenire se si conducesse piuttosto una…

Continue Reading

Perché la manovra del Governo è tutto fuorché espansiva (e sostenibile)

Oggi sul Sole 24 Ore. *          Nel 2023, ad essere ottimisti, l’Italia crescerà dello 0,6%, per ammissione dello stesso Ministro dell’Economia e delle Finanze. Una percentuale che, per un Governo appena entrato in carica e sostenuto da ampi consensi, tradisce una mancanza di ambizione rimarchevole. Purtroppo la realtà è che il Fondo Monetario Internazionale prevede per il nostro Paese,…

Continue Reading